JOSEF MENGELE – IL “DOTTOR MORTE”

Josef Mengele fu un militare e criminale di guerra tedesco.

Passò alla storia per i suoi esperimenti medici e genetici svolti durante la seconda guerra mondiale nel campo di concentramento di Auschwitz.

A questi esperimenti Mengele deve diversi soprannomi, tra i più noti “angelo della morte”, “angelo bianco” e “zio”.

Josef Mengele Esperimenti The Minutes Fly

CENNI BIOGRAFICI di Josef Mengele

Josef Mengele nacque a Günzburg , in Baviera, il 16 marzo 1911.

Fu una persona socievole e molto ambiziosa interessato alla mondanità, ai vizi e alle belle donne.

Studiò medicina e genetica e si laureò in antropologia nel 1935. Il titolo della tesi di laurea fu: “Ricerca morfologico-razziale sul settore anteriore della mandibola in quattro gruppi di razze”.

Josef Mengele Auschwitz The Minutes Fly

Oltre che la passione per la medicina, sviluppa precise idee politiche che lo portano a vent’anni a iscriversi negli  “Stahlhelm Bund der Frontsoldatem” (Elmetti d’Acciaio), per poi far parte, nel 1934, delle Sturmabteilung. 

Nel 1937 Mengele si iscrive al  partito nazionalsocialista e nel 1938 alle SS. Nello stesso anno si laurea in medicina, con una tesi  intitolata “Ricerche sistematiche in ceppi familiari affetti da cheiloschisi o da fenditure mascellari o palatali”.

Nello stesso periodo sposò una ragazza protestante, mal vista dalla famiglia perché non cattolica.

Nel 1943 Mengele fu trasferito ad Auschwitz, la moglie decise di non seguirlo: da quel momento, nonostante le visite della consorte ed il concepimento di un figlio, la loro vita di coppia non fu più la stessa.

 L’IMPEGNO POLITICO, GLI ESPERIMENTI E GLI ANNI AD AUSCHWITZ

Dopo l’arruolamento nelle SS, durante la Seconda Guerra Mondiale, parte volontario nel Waffen-SS, ottenendo nel 1941 la Croce di Ferro per le sue azioni eroiche. Infatti, salvò sul fronte russo due soldati tedeschi da un carro armato in fiamme.

Nel 1942, a causa di una ferita di guerra, risulta non idoneo al combattimento, ottiene così la promozione al grado di capitano delle SS, e viene trasferito ad Auschwitz.

In qualità di Medico del campo nomadi di Aushwitz-Birkenau, si dedicò con facilità ai suoi esperimenti genetici su deportati ebrei, rom e nani, concentrandosi soprattutto sui gemelli.

I suoi esperimenti riguardavano la trasmissione dei caratteri, le deformità umane e la ricerca disperata di una razza pura.

Josef Mengele Esperimenti The Minutes Fly

La sua ossessione per i gemelli lo portò a supervisionare un’operazione fallimentare su due bambini rom, uniti per creare dei gemelli siamesi artificiali.

Fra i suoi esperimenti più famosi ricordiamo quelli legati alla colorazione degli occhi.

Infatti, Mengele, voleva cambiare il colore degli occhi delle sue cavie, praticando loro la l’eterocromia. 

Per approfondimento: ETEROCROMIA DELLE IRIDI

Josef Mengele Esperimenti irideThe Minutes Fly

Apparentemente, le “cavie umane” prescelte conducevano nel campo una vita migliore rispetto agli altri prigionieri.  Indossavano i loro indumenti,  mangiavano meglio e non erano obbligati a radersi i capelli.

In realtà, però erano solamente vittime di esperimenti macabri e crudeli dettati dall’ego e dalla follia di un uomo.
Le “cavie umane” di Mengele morivano a causa di infezioni o venivano uccisi perché non più utili alla sua scienza.

IL DOPOGUERRA, LA FUGA IN SUD AMERICA E LA MORTE

Con la fine della guerra e la sconfitta della Germania, iniziò la caccia ai criminali di guerra nazisti.

Josef Mengele riuscì, però, a scappare in Sud America, grazie a dei documenti falsi che si procurò a Termeno, paese dell’ Alto Adige.

Nel 1949 partì da Genova su una nave diretta a in Paraguay. 

Durante la fuga, cambiò parecchie abitazioni e lavorò come operaio nella stessa industria della famiglia Mengele che possedeva stabilimenti in Sud America. 

Una volta in Brasile, allarmato dalla cattura di Adolf Eichmann avvenuta proprio in Sud America, vi si fermò, sotto falso nome.

Nel 1979 morì a Bertioga(Brasile) per un arresto cardiaco mentre nuotava nell’oceano.

E’ sepolto nel cimitero di Nostra Signora del Rosario, in un paesino brasiliano, sotto la falsa identità di Wolfgang Gerhard.

L’analisi del DNA della salma viene effettuata nel 1992 e confrontato con il DNA del fratello. L’esame dimostrò al 99,69% che la persona lì sepolta fosse effettivamente Josef Mengele.

I resti di questo folle personaggio, per uno scherzo del destino, oggi sono a disposizione degli studenti di medicina per i loro studi. 

Josef Mengele Dottor Morte Shoah Il giorno della memoria
Fonte: Wikipedia

LA SUA INFLUENZA SUI MEZZI DI COMUNICAZIONE DI MASSA

A causa della sua famigerata importanza, Mengele fu fonte di ispirazione per parecchie opere letterarie, cinematografiche e anche musicali.

La sua tetra ossessione per la ricerca della razza pura e i suoi raccapriccianti esperimenti sono i soggetti protagonisti o ispiranti di romanzi, film e brani musicali.

Oggi, nel Giorno della Memoria, sembra quasi uno scempio ricordare un uomo così spregevole, ma la sua tenebrosa figura è una prova di quello che le vittime dell’Olocausto subirono.

Per non dimenticare gli innocenti, purtroppo, a volte bisogna necessariamente citare i colpevoli.

L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria.
(Primo Levi)

ALTRI ARTICOLI A TEMA

Nadia Bonanno

Partecipa alla discussione e lascia un tuo commento...