MALANNI STAGIONALI – MAMME E FIGLI

Nasce in questo periodo di malanni stagionali, il mio articolo su questo argomento, che tanto ci manda in crisi, chi più chi meno.

 Prima o poi ci passiamo un pò tutte!

Ed eccola arrivata la tanto temuta stagione dei malanni.

I primi nasi che colano, le influenze e le tossi che non fanno dormire nessuno, possono passare in un lampo o associarsi ad altro e trasformarsi così in qualcosa di più complicato.

Da una banale influenza, ecco che si arriva a vivere qualcosa di un po’ più importante, risolvibile magari con qualche farmaco o con una ospedalizzazione inaspettata.

Se però siamo fortunate e non abbiamo di questi problemi, l’embolo tensio-ansioso non ci esonera.

Arrivare impreparati alle influenze e a questi malanni, “ci distrugge” fisicamente e moralmente.

Loro, i nostri meravigliosi pargoletti, si attaccano disperati a noi e via di notti in bianco, controllo febbri, aerosol, pulizie del naso, insomma chi più ne ha più ne metta!

malanni stagionali - mamme e figli - lifestyle - the minutes fly

Ed eccoli arrivati, hanno bussato alla nostra porta, i malanni del momento.

Evviva, siamo alla moda e non per la borsa o per le sneakers del momento, ecco allora che parte il via di pediatra, farmacia, erboristeria e supermercato.

Tutto questo perché?!

Perché vogliamo essere in grado di affrontare l’ennesima “barricata in casa” con tutto a nostra disposizione.

Non siamo pazze, siamo solo organizzate e vogliamo esserlo per ogni imprevisto!

Perché sì, imprevisti e figli, convivono come “la panna montata sulla cioccolata calda”, ce ne sono e saranno sempre soprattutto quando si parla di “malanni e figli”.

Controlliamo i nostri figli e tutto proseguirà per il meglio.

Ritorniamo ai “mitici malanni” e cerchiamo di capire come procedere.

Ricordiamoci che l’istinto di una madre aiuta molti medici, perché ciò che per voi è anomalo per un medico può essere “nella norma” per la maggiore dei loro pazienti.

Potrebbe però essere diverso il nostro caso, e non perché anormale ma semplicemente perché non tutti gli organismi reagiscono allo stesso modo.

Come curare questi piccoli pazienti?!

Dobbiamo partire con una sacca di pazienza infinita, perché non è una spesa settimanale al supermercato di sabato pomeriggio, ma è un’allenamento in palestra senza riscaldamento.

Bisogna ricordarsi che sono bambini e, come tali non riescono a capire quanto che un prodotto dal sapore orrendo li aiuterà a guarire. 

Siamo noi i forti della situazione!

Noi dobbiamo far rispettare le dosi, le tempistiche e le indicazioni terapeutiche, a volte anche usando “la forza”!

malanni stagionali - mamme e figli - lifestyle - the minutes fly

Da qui altro capitolo: farmaci tradizionali o alternativi!?!

Non sono un pediatra e parlare di bambini è sempre molto delicato!

Sono solo una mamma come tante, che utilizza internet per diffondere le sue esperienze.

Va ricordato che sia il prodotto tradizionale che quello alternativo hanno controindicazioni e nulla va preso alla leggera!

I bambini sono molto forti e delicati allo stesso tempo, non si spezzano mai e a volte basta un niente per scatenare il delirio.

Non bisogna fare di testa propria, ma ascoltare sempre il proprio pediatra o medico di fiducia.

Non dimentichiamoci che la medicina alternativa è antichissima.

La medicina tradizionale è nata in quanto la medicina alternativa non era più sufficiente, quindi hanno entrambe motivo di esistere.

Attenzione alla fissazione per le cure alternative.

Sono la prima a farne uso, ma fissarsi in alcuni casi non è la via giusta.

Facciamo le mamme e ricordiamoci che il nostro dovere è proteggere, curare e crescere i nostri figli.

Ricordate sempre di affidarvi a esperti e non fattucchieri perché ce ne sono tantissimi!

Io stessa ho un attestato preso ad un “corso di erboristeria” ma un corso non è sufficiente a capire quante  interazioni esistono nell’utilizzo di preparazioni erboristiche o altro.

“I figli sono tutti diversi!”

Puoi avere un pargoletto super tosto che non si ammala manco se cade in una pozza infestata o un piccolo cucciolo che, più delicato, necessita di tantissime attenzioni e farli vivere in una palla di vetro non li aiuterà.

Io sono stata fortunata, ho entrambi, quindi ho provato un sacco di emozioni.

Emozioni perché? Perché noi mamme siamo un “tripudio” di emozioni, nel bene e nel male.

Si diceva: “prevenire e meglio che curare!!!” ma quanto è vero questo detto, approfittiamone e usiamolo a nostro favore.

Lavoriamo di PREVENZIONE.

 Tra medici, specialisti, medici alternativi ne spendiamo di soldi e nonostante tutto nostro figlio si ammala. Da vere super mamme “esaurite” corriamo ai ripari.

Se avevamo la spesa da fare, una mega riunione che dovevamo preparare, una seratina tranquilla con il marito dopo la messa a nanna dei bimbi, un momento di shopping sfrenato, ecco che le nostre priorità vanno a modificarsi in tutto e per tutto.

E tutto questo non perché non amiamo noi stesse, il lavoro, marito o quant’altro, ma semplicemente perché se stanno bene loro, noi riusciamo a rilassarci e dal nostro rilassamento tutto può funzionare al meglio.

Ed è così che oltre al lavoro, bambini “giocattolosi/agitati”, casa, spesa e mille altre cose ci troviamo questi bei “pargoletti” spossati e “appiccicosini” che hanno solo bisogno di noi.

 

Ricordiamoci che i figli sono basic, se mangiano significa che stanno meglio, le nostre piccole “pesti” sono in ripresa.

Ogni mamma di fronte ad un bambino ammalato le prova tutte quindi non spaventiamoci, armiamoci e partiamo perchè la prima volta sarà complicata ma la prossima saremo con le spalle un pò più forti.

Vi lascio qualche link:

CAPELLI DA SOGNO CON L’OREAL DREAM LONG – BEAUTY HAIR REVIEW | The Minutes Fly

IL LATO OSCURO DEI SOCIAL NETWORK – SENSORY MOMENTS | The Minutes Fly

TREND: BORSE AUTUNNO 2018 – TREND-MOM | The Minutes Fly

Lisa Tarocco

Partecipa alla discussione e lascia un tuo commento...