LABBRA DA BACIO

“Fa’ del tuo amore una pioggia di baci sulle mie labbra”: recita Percy Bysshe Shelley poeta romantico!

Le labbra sono una delle più forti armi di seduzione e la loro cura nella routine giornaliera è un atto dovuto per avere un sorriso seducente e a prova di bacio.

Sole, vento, freddo e il trascorrere degli anni deteriorano l’aspetto, come alcune patologie a carico delle labbra ad esempio l’herpes labiale e le cheiliti di varia natura.

Così la cosmetologia e la farmacologia forniscono prodotti adatti per la prevenzione e il ripristino della cute lesa, mentre la Medicina Estetica, permette di migliorare la forma, l’asimmetria e il volume.

INDICE

CENNI DI ANATOMIA DELLE LABBRA

Il labbro superiore delimita superiormente la cavità orale.

Ha una depressione infra-nasale, il filtro (dal lat. philtrum, dal greco phíltron, dal tema di philéō “amare” Pozione magica- Treccani), che si estende dal naso, separando le narici, fino al bordo del vermiglio.

labbra-anatomia-dott-letizia-foglieni-the-minutes fly

Il bordo del vermiglio è la netta demarcazione tra il bordo colorato del labbro e la pelle circostante.

Il labbro inferiore si trova tra la bocca e il solco labio-mentale, che separa il labbro inferiore dal mento.

Il labbro superiore e inferiore sono continui e si uniscono a livello delle commessure orali  o “angoli della bocca”.

Negli adulti la cute del labbro esterno è più spessa e contiene peli, ghiandole sudoripare e sebacee. 

Le labbra sono ricoperte da una pelle rossastra, sottilissima, chiamata vermiglio che è abbondantemente dotato di terminazioni nervose sensibili ed è altamente vascolarizzato da cui il colore rossastro. 

Il vermiglio o parte “asciutta” non è peloso ed è privo di ghiandole. 

Pertanto, proprio per l’assenza di ghiandole le labbra si screpolano facilmente.

Infatti sudore e sebo prodotto dalle ghiandole mantengono la pelle liscia, creano uno stato protettivo che inibisce gli agenti microbici e regolano il calore.

Il vermiglio confina con la parte “umida” delle labbra, il labbro mucoso, delimitato dalla linea muco-cutanea o “bordo wet-dry”.

Il labbro mucoso viene inumidito dalle ghiandole labiali e dalle altre ghiandole della bocca.

I muscoli e l’elevata presenza di vasi e nervi, permettono di svolgere innumerevoli funzioni.

Le labbra sono coinvolte, ad esempio, in:

  • gestione dei suoni e della parola,
  • suzione,
  • deglutizione,
  • assunzione di cibo,
  • mimica facciale,
  • sensibilità caldo-freddo,
  • relazioni sessuali  e affettive,

Basta sfiorare le labbra per stimolare, attraverso tatto, olfatto e gusto un’area molto ampia della nostra corteccia cerebrale.

LE LABBRA IDEALI

In Medicina Estetica la valutazione di alcuni parametri è fondamentale per eseguire delle correzioni naturali delle labbra, che non creino disagio anziché donare una forma gradevole in sintonia con il volto.

Alcune valutazioni, purtroppo, sono legate alla conformazione individuale delle arcate dentarie che non sempre esse stesse presentano caratteristiche ideali.

Infatti:

  • La curvatura del bordo dei denti superiori deve essere parallela alla curvatura del labbro inferiore in un arco di sorriso ideale.
  •  A riposo, i denti superiori devono sporgere dal labbro superiore, verticalmente, di 2-4  mm

Inoltre si considerano anche le proporzioni e la simmetria dei denti, l’estetica gengivale, l’arco del sorriso, la larghezza del sorriso, l’integrità dentale e la relazione tra l’arcata superiore e inferiore dentaria e la linea gengivale.

I rapporti, le dimensioni e la forma sono variati nel tempo essendo molto soggetti alle mode.

Oggi uno studio del 2017 pubblicato sulla rivista scientifica Jama Facial Plastic Surgery  ha fornito ottime informazioni per determinare:

“l’estetica ideale delle labbra femminili e l’effetto sull’attrattiva facciale” nelle donne bianche.

In breve: le labbra devono occupare almeno il 10% della superficie del viso con un preciso rapporto di 1:2, quando cioè il labbro inferiore è due volte più grande rispetto a quello superiore.

Inoltre lo studio dimostra che anche se più piccole, cioè inferiori del 10% della superficie del viso, le labbra che mantengono il rapporto consigliato di 1:2 sono altresì  seducenti.

Così gli Autori consigliano ai colleghi Medici Estetici di non aumentare le labbra più del 53,5% della superficie totale.

Oltre a ciò indicano che la dimensione lineare deve corrispondere al 9,6% del terzo medio inferiore del volto.

Esistono numerosi altri parametri per definire le labbra ideali.

Ad esempio l’altezza verticale.

Idealmente dovrebbe rientrare nel “rapporto aureo” (proporzione divina) labbra/volto, applicato per la prima volta da Leonardo da Vinci e tutt’oggi valido.  

Mona-Lisa-labbra- Medicina Estetica-dott-Letizia-Foglieni

SENESCENZA DELLE LABBRA

Con l’aumento dell’età le labbra subiscono dei cambiamenti a causa di numerosi fattori.

Variazioni della posizione delle ossa mandibolari e mascellari portano ad un arretramento con approfondimento delle pieghe nasolabiali.

Inoltre anche l’arco del sorriso cambia per l’usura dei denti, per la perdita degli incisivi e per il riassorbimento fisiologico dell’osso. Così le labbra appaiono più sottili e invertite.

Le protesi dentarie influenzano la posizione delle labbra.

La cute si assottiglia, si verifica una diminuzione del collagene e di sostanze che trattengono l’acqua con riduzione del volume e dell’elasticità cutanea. Si determinano rughe per l’attività continua dei muscoli peri-orali. 

labbra-invecchiamento-Medicina-Estetica-dott.Letizia-Foglieni

Il labbro superiore perde il suo volume, si allunga e si inverte.

Il labbro inferiore diventa più sottile e “rotola” verso l’interno.

Le commissure labiali scendono dando un aspetto corrucciato.

La zona del filtro si appiattisce e il bordo del vermiglio diventa più sottile.

Si determina anche la perdita parziale dell’arco di Cupido e delle curve labiali.

Le labbra diventano più asciutte per la disidratazione tipica dell’età.

CURA DELLE LABBRA

Da quanto detto poc’anzi, è possibile dedurre che è l’assenza di ghiandole nel vermiglio che rende le labbra soggette a screpolature, facili, infezioni, etc.

Quindi il primo gesto della dermo-routine per evitare le “labbra screpolate” è l’idratazione.

Ottimi prodotti con proprietà emollienti e nutrienti sono a base di: burro di cacao, burro di karité, mandorla dolce, olio d’oliva, olio d’argan, olio di vitamina E.

Buoni successi si ottengono anche con la cera d’api o la cera liquida a base di olio di jojoba.

Un’ottima abitudine é di effettuare l’idratazione alla mattina e alla sera. In caso di vento, freddo e sole un’idratazione supplementare senza abusarne, può essere utile. 

Durante l’esposizione solare sia al mare che in montagna é bene utilizzare appositi solari con indice di protezione (SPF) 50+.  

dermo-routine-labbra-dott-letizia-foglieni-the-minutes fly

Cosa evitare per avere labbra perfette a prova di selfie?

Le abitudini viziate come mordersi la zona del vermiglio o bagnarlo in continuazione, provocano facilmente piccole lesioni.

La “respirazione orale”  è un disturbo  che determina oltre che “labbra screpolate” anche alterazioni della forma.

Il fumo é un grande nemico, poiché determina un invecchiamento precoce, con rughe sia del vermiglio che del contorno labiale. Le rughe del labbro superiore sono il così conosciuto “codice a barre“. 

In caso di herpes labiale é bene intervenire prontamente con farmaci consigliati dal medico. E’ importante non rimuovere la “crosticina” forzatamente per prevenire la formazione di cicatrici. 

Evitare l’uso di stick o rossetti contenenti petrolati come:

  • Paraffinum liquiduum / Paraffina;
  • Cera microcristallina / Microcrystalline Wax;
  • Vaselina;
  • Mineral oil (oli minerali);
  •  Petrolatum.

Anche la presenza di siliconi deve essere modesta, preferendo prodotti privi di tali sostanze che seccano la cute oltre che determinare un invecchiamento precoce.

labbra-selfie-medicina-estetica-dott-letizia-foglieni-the-minutes-fly

I rossetti sono la causa più comune di allergie. Fragranze e coloranti  contenuti nei prodotti sono  i principali responsabili.  Nei casi di frequenti “labbra screpolate” è preferibile utilizzare prodotti incolori e inodori.

Anche il dentifricio è un irritante della cute labiale. Nel caso in cui dopo essersi spazzolati i denti si avverta prurito, secchezza o si noti la comparsa di vescicole è consigliata la sostituzione del prodotto. La scelta deve ricadere su dentifrici con pochi coloranti, conservanti e aromi aggiunti.

TERAPIE DI MEDICINA ESTETICA

La Medicina Estetica odierna bandisce i volumi esagerati delle labbra che in passato imperversavano: oggi le labbra devono avere un aspetto naturale a “prova di selfie“.

Le cosiddette “labbra a canotto” sono così solo un ricordo.

L’acido ialuronico la fa da padrone nelle tecniche di ringiovanimento e rimodellamento delle labbra.

Il ringiovanimento è una strategia anti-età, non prevede cambiamenti di forma e di volume percepiti e si completa con il trattamento periorale.

Invece il rimodellamento agisce sui volumi, sulle asimmetrie con l’obiettivo di riarmonizzare sia il labbro inferiore che superiore, secondo la conformazione del volto.

Il mercato offre numerosi prodotti adatti a questi scopi i così detti “filler labbra“.

Sarà cura del Medico Estetico, dopo un’attenta valutazione, scegliere il prodotto più adatto a seconda del risultato desiderato.

 filler-labbra-dott-Letizia-Foglieni-the-minutes-fly

Rispetto ai filler labbra del passato, quelli oggi utilizzati, posseggono una maggiore plasticità. Consentono, con poche quantità di prodotto, di raggiungere dei risultati al naturale. 

Anche la tossina botulinica, in dosi infinitesimali e con diluizioni specifiche completa un trattamento con filler.

E’ sconsigliato effettuare terapie di Medicina Estetica in giovane età: almeno non prima dei 18 anni.

Prima di sottoporsi ad un trattamento di tali filler è assolutamente importante comunicare al medico alcune informazioni personali come:

  • Herpes labiale frequente;
  • presenza di filler o altre sostanze permanenti nella zona labiale;
  • farmaci assunti;
  • malattie gravi e/o autoimmuni.

Questo per non incorrere in complicanze alquanto invalidanti a volte anche permanenti.

Affidarsi a soggetti non abilitati, cioè senza laurea in Medicina e Chirurgia e con formazione specifica, o ancor peggio il “fai da te”, può essere nocivo per la salute. 

 

LEGGI ANCHE...  FESTA DEL PAPÀ: ORIGINI, TRADIZIONI E CURIOSITÀ

Conclusioni

Prendersi cura giornalmente delle labbra è fondamentale per mantenerle idratate. Purtroppo l’avanzare degli anni produce numerose variazioni che solo la Medicina Estetica può ripristinare.
Grazie all’aiuto della tecnologia, sempre più prodotti permettono di raggiungere risultati naturali graditi a medici e pazienti.

medicina-estetica-medicina-benessere-Foglieni

Altri articoli di Medicina Estetica e Medicina del Benessere

Partecipa alla discussione e lascia un tuo commento...